27 Ottobre 2020
Interviste
percorso: Home > Interviste > Interviste

IL NOSTRO PROGETTO VA AVANTI: INTERVISTA A MARCO CREMONINI, D.S. DEL SIEPELUNGA BELLARIA

Interviste
14-11-2014 - Intervista a IL D.S. MARCO CREMONINI
Siamo ad un terzo, circa, del cammino in campionato per le squadre della società Siepelunga Bellaria.
Stilare un primo bilancio della stagione è, forse, prematuro.
Tuttavia abbiamo incontrato l´attuale Direttore Sportivo della Società, Marco Cremonini (che ringraziamo sin d´ora per la collaborazione), perchè ci illustri come sta procedendo il progetto che egli, unitamente alla dirigenza del Gruppo Sportivo, ha presentato all´inizio dell´annata agonistica.
Innanzi tutto, il D.S., si compiace per la partenza lampo sia della Prima squadra, sia della Juniores, unite nello stesso disegno ed entrambe in lizza in tutte le competizioni cui sono state iscritte (Campionato e Coppe), con la prima squadra addirittura in testa al proprio girone di Seconda Categoria con un discreto vantaggio sulle inseguitrici.
Tuttavia egli mette in guardia dagli eccessivi entusiasmi che risultati così lusinghieri ingenerano nell´ambiente.
I ragazzi, gran parte dei quali giovanissimi, sono soggetti, per età, a repentini cambiamenti di umore: i facili entusiasmi si alternano alle cocenti delusioni; è sufficiente un contrattempo, un risultato sfavorevole, un´incomprensione perchè un´esaltante esperienza si ridimensioni rapidamente. E ciò non deve capitare, anche perchè, stigmatizza Cremonini, il progetto su cui si impronta l´impegno organizzativo del rinnovato Siepelunga Bellaria, prevede tempi più lunghi, un periodo di almeno due anni, entro i quali puntare alla risalita nella categoria superiore (per la prima squadra).
Un arco temporale sufficiente perchè i ragazzi possano maturare con calma, serenità e consapevolezza dei propri mezzi, senza quelle pressioni che, per l´immediata necessità di ottenere il risultato, potrebbero condizionarli esageratamente ogni volta che scendono in campo.
Certo se gli obiettivi dovessero essere raggiunti prima saremmo tutti felici.
Ma nessuno di noi (anche e, soprattutto, noi adulti) deve soffocare questi giovani (età media di poco superiore ai vent´anni) caricandoli di eccessive aspettative: il gruppo, come sostiene il dirigente intervistato, è opportuno che si amalgami e si armonizzi, non solo sotto l´aspetto sportivo, frequentando un ambiente tranquillo ed il più possibile sano.
Certo essi sono in buone mani.
I primi attori del progetto, infatti, sono due validissimi tecnici, Abella, per la prima squadra e Gavioli, per la juniores. Entrambi abituati a lavorare con e sui giovani ed in modo proficuo, cercando da essi non solo prestazioni convincenti sotto il profilo tecnico, ma impegno, dedizione e correttezza nei rapporti interpersonali, motivandoli a dovere, anteponendo alla durezza il dialogo ed il rispetto.
I due allenatori lavorano di concerto tra loro (col benestare della società) con l´obiettivo di creare le condizioni per osmosi continue fra le due squadre, sviluppando una costante collaborazione,
Tornando alle prestazioni dei ragazzi, il D.S. ci informa che questo gruppo di atleti, qualitativamente molto apprezzato, ha già suscitato l´interesse di parecchi osservatori di Società ´altolocate´.
E´ questa una gratificazione in più per il nostro Gruppo Sportivo ritenuto, oggi (ed a tutti i livelli), una fucina di giovani talenti.
Un riconoscimento per il lavoro svolto dal Siepelunga Bellaria (già a credito con la buona sorte), che ha ricostruito, con la nuova dirigenza, una credibilità che rilancia il Gruppo Sportivo di via Forni fra le migliori società nel panorama dilettantistico della città.

Ufficio stampa.

scritto da UFFICIO STAMPA
Visite
totale visite
197942

sei il visitatore numero
70680

utenti online
0

Sponsor
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it