01 Ottobre 2020
News
percorso: Home > News > Dal Campo

SECONDO TEMPO DA INCORNICIARE. CON UNA SPETTACOLARE RIMONTA IL SIEPELUNGA BELLARIA BATTE A DOMICILIO IL BONONIA PER 3-2

Formazione Si.Be.: Colli, Magro (88' Poggi), Gavioli (80' Clissa), Zacchi, Degli Esposti, Parmeggiani: Molinari (87' Luise), Bacchi Reggiani, Fazzini (85' Guidotti), Righi (CAP), Canessi (64' Margiotta).

Marcatori: 32' Calamosca (B), 52' Fazzini (S), 75' Zacchi (S), 78' Fazzini (S), 93' Calamosca (B)

Comincia bene il Campionato 2019 del Siepelunga Bellaria. Lo definisco un nuovo campionato e non girone di ritorno perchè la squadra di mister Biagi si deve lasciare alle spalle una prima fase di torneo improntata alla mediocrità se si eccettuano un paio di prestazioni superlative che hanno, comunque, fatto intravvedere il reale potenziale di questo gruppo.
Oggi la partita contro il Bononia ha espresso i due volti del Siepelunga.
Nel primo tempo scende in campo 'Mister Hyde, la squadra che è stata massacrata in occasione delle ultime partite del girone d'andata: molle, imprecisa, inconcludente,svagata; lanci lunghi regolarmente controllati da una difesa ben messa in campo e soprattutto abituata a giocare in quello spiazzo gibboso e stretto che continuano inspiegabilmente a rendere idoneo per partite di calcio ufficiali.
Nella ripresa, assunta la pozione magica di mister Biagi, è tornata in campo un'altra compagine, il dr. Jekyll di Stevenson: equilibrata, grintosa, propositiva ma, soprattutto determinata in area avversaria. E così l'impacciata 'Armata Brancaleone' del primo tempo ha ribaltato un risultato che sembrava, ancora una volta, mortificare i bianchi della società di via Forni.
Passiamo alla cronaca.
Le due squadre scendono in campo dopo una sosta di quaranta giorni e molte incognite sulla tenuta degli atleti in campo. Il terreno è in brutte condizioni ma, soprattutto, risulta di dimensioni ai limiti della regolarità e gibboso in alcune zone del campo. E' difficile giocarci a meno che siano state prese le misure ed impostato un gioco alla 'viva il parroco' che scavalca il centrocampo. In questo senso i padroni di casa sembrano più avvezzi e riescono, almeno in questa fase, a giocare meglio la palla con lanci lunghi ed abbastanza precisi per attaccanti che si fanno valere fisicamente. Nonostante queste premesse la prima occasione, clamorosa, capita sui piedi di Zacchi che al 2' non riesce a correggere in rete, a porta spalancata, una corta respinta di Malaguti. Dopo pochi minuti Righi trova, con un'imbucata , Canessi che tira fuori di poco. Da questo momento in avanti il Bononia prende in mano le redini dell'incontro ed arriva spesso dalle parti del solito grande portierone Colli. Al 32' i padroni di casa passano in vantaggio con una stupenda cavalcata sulla fascia destra di Nicolini che, superati sullo slancio, tre avversari, crossa dalla linea di fondo ed a Calamosca, appostato sull'altro palo, non resta che spingere la palla in rete. Nel prosieguo da annotare una parata decisiva di Colli al 38' su incursione dell'intero fronte d'attacco dei padroni di casa.
Nella ripresa cambia il tono dell'incontro. Gli ospiti sembrano molto determinati e giocano con grinta su ogni palla. Ma su un terreno del genere la speranza di arrivare in porta dipende soprattutto dai tiri piazzato, Così al 52' su angolo di Molinari battuto alla perfezione irrompe Fazzini che di testa trova la parità. Cominciano le sostituzioni ma gli ospiti continuano a menar le danze. Ora spento sembra il Bononia che in tre minuti, al 75' ed al 78' subisce il 'Knockout': prima è Zacchi (oggi veramente insuperabile dietro e ed estremamente utile davanti, gran partita) su angolo perfetto di Gavioli che solo soletto stacca di testa in area avversaria e porta in vantaggio la squadra di Biagi; poi Fazzini, quest'oggi baciato dagli dei, con un'azione caparbia, si porta a spasso i difensori avversari e segna di potenza il meritato tre ad uno. A questo punto il Bononia si riversa sul fronte opposto con la forza della disperazione ma purtroppo ai padroni di casa saltano i nervi. Riescono ad accorciare al 93' con Calamosca ma escono dal campo molto nervosi e, nella ridda di proteste, subiscono pure un'espulsione. Non riusciamo francamente a comprendere quali enormi ingiustizie (da giustificare tale reazione) abbia compiuto un direttore di gara che, nell'insieme delle decisioni adottate, non ci pare abbia creato chissà quali discriminazioni ...
Visite
totale visite
194664

sei il visitatore numero
70332

utenti online
0

Sponsor
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio