22 Gennaio 2022
News
percorso: Home > News > Dal Campo

LA GRANDE CAVALCATA: UNA 'REMUNTADA' DA ANTOLOGIA DEL SI.BE.

Il 2021 si è concluso, per il Siepelunga Bellaria, con una lunga striscia positiva (che ha pochi precedenti nella storia del club) di 8 vittorie ed 1 pareggio che ha portato la squadra dalla penultima posizione della quarta giornata (3 sconfitte ed 1 pari nelle prime partite) al terzo posto della graduatoria al termine del girone d'andata.
Rivediamo il film di questo scorcio di torneo.
Il Si.Be. si presenta ai nastri di partenza con una nuova guida tecnica, Daniele Bortolotti, ed alcuni giovani di scarsa esperienza per la categoria da inserire in un contesto già collaudato ma da rilanciare dopo quasi due anni di inattività causa pandemia. Compito non facile perchè le attese sono parecchie ma le condizioni di forma ancora precarie e l'amalgama tutto da ricreare.
La 'vernice' del campionato si svolge sul campo di un'avversaria del tutto sconosciuta per i bolognesi, il Biancanigo che rappresenta un piccolo borgo dell'imolese. La partita non sembra difficile da affrontare ma un arbitraggio piuttosto discutibile ed un approccio al match da parte degli ospiti alquanto superficiale, consentono al Biancanigo di ottenere un insperato successo seppure nei minuti di recupero ed in maniera rocambolesca.
Al debutto in casa scende in campo il Castel di Casio, compagine che sarà protagonista nel prosieguo del torneo. Gli alidosiani non paiono irresistibili, tant'è che il Sibe passa in vantaggio per primo con un rigore realizzato da Gavioli. Poi i padroni di casa subiscono l'autorevole ritorno degli ospiti che rimontano sino a ribaltare il risultato, nel recupero, seppure in dieci uomini.
Anche in questa occasione i ragazzi di Bortolotti non si dimostrano tecnicamente inferiori agli avversari ma denunciano evidenti carenze agonistiche e di amalgama.
La terza uscita è un sofferto pareggio con la Stella Azzurra che sembra più determinata nell'ottenere l'intera posta.
Successivamente è la Valsanterno che viola il Bernardi. Un'altra sconfitta nella quale l'esperienza degli ospiti ha la meglio sulle distrazioni dei bolognesi che spianano la strada alla vittoria avversaria con errori a ripetizione.
E' la quarta giornata. Il bilancio è disastroso per una compagine, il Si.Be., che, alla vigilia, veniva pronosticata sicura protagonista del campionato. Un punto in quattro partite fa pensare a prospettive cupe e ad una lotta per non retrocedere che potrebbe destabilizzare un gruppo inizialmente convinto di disputare un torneo con ben altre ambizioni.
E' appena la quarta giornata. Bisogna guardarsi negli occhi e rimboccarsi le maniche. Il campionato è ancora lungo ma è necessario reagire e fare punti.
La svolta...
Cosa capiti esattamente è difficile da stabilire. Possiamo ipotizzare una serie di fattori concomitanti che hanno concorso alla trasformazione del brutto anatroccolo in cigno.
Partiamo dall'allenatore che comincia a conoscere meglio la categoria e, soprattutto, i ragazzi a sua disposizione. Trova i ruoli adatti ad alcuni uomini chiave, registrando i vari reparti ed azzecca le mosse giuste soprattutto nella gestione della partita. La condizione fisica degli atleti cresce. La squadra si compatta in campo attorno ad un leader e ad alcuni giocatori di riferimento. L'approccio alle partite diventa quello giusto: per fare risultato bisogna scendere in campo con determinazione per lottare sino alla fine. Coi risultati aumenta l'autostima dei ragazzi che si rendono conto di essere competitivi e pronti ad affrontare alla pari ogni avversario. Infine, il che non guasta, arriva un pizzico di fortuna...
Tutto ciò avviene in un contesto non privo di problemi dovuti, soprattutto, agli infortuni che tolgono al gruppo l'apporto di elementi importanti.
Ha, così, inizio la 'grande cavalcata', una rimonta impensabile, dopo la partenza in sordina, che porta il Siepelunga a chiudere il girone d'andata al terzo posto in classifica con 26 punti all'attivo, 8 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte; 24 gol segnati e 17 subiti.
La serie positiva comincia con una vittoria non brillante con i modesti Amaranto che si portano addirittura in vantaggio nel primo tempo e vengono rimontati solo nella ripresa con i gol di Fazzini e dell'implacabile rigorista Gavioli.
Ma il primo vero squillo arriva con la vittoria esterna a Dozza, una delle favorite alla vittoria finale, espugnando il difficile terreno dei castellani con un gol del bomber Fazzini, mostrando una ritrovata personalità e riuscendo a gestire il golletto di vantaggio senza farsi sopraffare dal ritorno della forte compagine di casa.
A fine ottobre arrivano al Bernardi i veterani dello Sporting Pianorese, forti del cannoniere del campionato Reda che non manca di colpire anche sul terreno del Siepelunga. Pareggia, nel finale, Boscati, uno dei protagonisti della rimonta. Il pareggio 'in zona Cesarini' dimostra che il 'nuovo' Si.Be. non molla mai recuperando un match che sembrava compromesso.
Seguono le sudate vittorie per 2-1 sul Bagnara ed il Mordano, la goleada sull'Atletico Mazzini ed il successo rotondo contro lo Juvenilia. Risultati non scontati seppure ottenuti contro compagini alla portata.
Ma il capolavoro si concretizza all'inizio di dicembre sul difficile terreno della Tozzona, una delle squadre più attrezzate del lotto. Vittoria rocambolesca ottenuta in rimonta dopo che gli imolesi sembravano 'maramaldeggiare' con un doppio vantaggio conseguito in soli 25'. Nel finale del primo tempo gli ospiti, orfani del bomber Fazzini, fuori per infortunio, estraggono il coniglio da cilindro con una doppietta di Canessi, che esce allo scoperto sempre nei momenti topici, ed un gol di rapina del giovanissimo Benini.
L'ultima partita dell'andata, disputata sul terreno di casa ridotto 'a mal partito', contro la seconda in classifica, il S.Donato, è la sintesi del Siepelunga versione 'remuntada'. L'incontro, equilibrato, si sblocca a 10' dalla fine con uno splendido assist di testa di Righi che risveglia la fame da gol di Ndayizeye che sfrutta il suggerimento del capitano per battere a rete, mettendo in confusione la difesa avversaria che pasticcia e consente al pallone di finire nel sacco. Vittoria della volontà di un gruppo di ragazzi che hanno raggiunto maturità e consapevolezza nei propri mezzi.
Ora c'è la sosta, purtroppo prolungata a febbraio causa pandemia.
Speriamo che quanto di buono è stato raggiunto sino ad ora venga mantenuto se non addirittura migliorato con una cosciente gestione della lunga interruzione del torneo.
In bocca al lupo, Si.Be.
Visite
totale visite
240048

sei il visitatore numero
77733

utenti online
0

Sponsor
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio